Mamma, ti devo dire una cosa: SONO VEGETARIANO

Cosa vuol dire essere siciliano e vegetariano allo stesso tempo?

E soprattutto: come faccio coming out vegetariano con mia madre dicendole che non mangerò più né carne né pesce ogni volta che tornerò a casa?

Se fosse una storia di C’è posta per te (vista la drammaticità) questo post dovrebbe cominciare con: “Questa è la storia di Vincenzo che dopo anni di problemi di digestione decide di diventare vegetariano. Un giorno Vincenzo chiama mamma Angela e avvisandola del suo imminente arrivo a Rosolini (SR), cittadina di 22.000 abitanti a sud della Sicilia, questo suo nuovo status”.

Ovviamente la calma che contraddistingue Queen Mary (Maria De Filippi ndr) non riflette per niente la verità dei fatti,

Perché in fondo la chiamata andò così:

“Mamma allora sei contenta che scendo (verbo usato dai “terroni” per indicare il ritorno al sud)?”

“Sì, guarda finalmente amore mio. Ascolta venerdì ho organizzato una cena tutta a base di pesce come piace a te. Ci sono tutti, nonno, nonna, la zia, TUTTI”.

“Ehm, sì mamma in realtà dovrei dirti una cosa: sai, da qualche mese ho notato che mangiando meno carne e meno pesce sto molto meglio. Infatti da qualche settimana posso dire di essere vegetariano

“Chiè?” (che potrei tradurre con un “COMESCUSACOSAHAIDETTO?”)

“Eh mamma, ho notato che digerisco molto meglio, sai quei piccoli problemini che avevo… PUFF, spariti!”

“Ah”

Quel “Ah” è un universo indecifrabile e indescrivibile che non sto qui a raccontarvi ma insomma… avete capito, no?

“Ah. E quindi che mangi?”

“Sai molte cose nuove: seitan, hummus… poi certo verdure cotte, uova, formaggio. Cose così”.

“Ho capito. Ok dai tranquillo, tanto che ci vuole… Faccio anche il cocktail di gamberi, posso comprare il tonno? Quello ti piace ancora, no?”

“Ehm, mamma i vegetariani non mangiano né carne né pesce”.

“Ah”

Di nuovo quell’ “AH”.

“Ah… e quindi che mangi?”

di nuovo…

“Te l’ho detto: seitan, hummus, verdure cotte, uova, formaggio… tante insalate sai quelle condite che fai spesso quando venivamo dalle scampagnate per non appesantirci”.

“ho capito.”

In realtà crede di aver capito.

“Dai mamma tranquilla! Facciamo che per me cucino io, così ti faccio vedere cosa mangio. Credimi niente di così difficile, se ci pensi la pasta col sugo è addirittura il piatto vegano per eccellenza…”

“sì, sì tranquillo basta che tu stai bene. Quando torni fai le analisi però, eh!?”

“sì tranquilla non mi sono mai sentito così bene”.

“bravo. Ciao allora, eh!?”

“Ciao mami”

La verità è che mia madre ha fatto fatica per ben 2 anni nel capire cosa cucinarmi tanto che una volta mi ha pure cucinato la pasta con Broccoli e pancetta

“SCUUUUUUUUUSA MI SONO DIMENTICATA”

“eh.”

Questo perché rinunciare ad arancini, carne nel sugo, cotolette (il mio ex piatto preferito), pasta col pesce, salsiccia condita e chi più ne ha più ne metta non è una cosa da poco.

3 cose che mi hanno aiutato a farle capire il mio essere vegetariano:

Essere vegetariano è una scelta e non un’imposizione. Nessuna allergia o intolleranza, quindi sarei potuto tornare “normale” quando volevo.

Essere vegetariano non è una mancanza o una perdita bensì una scoperta di nuovi sapori e di nuovi cibi, che magari sono ben lontani dalla nostra cultura ma non per questo sbagliati o errati.

Analisi del sangue perfette, questo quando si sa bilanciare bene l’apporto calorico tra proteine, carboidrati e via dicendo. Su quest’ultimo punto, poco importa che le mie analisi siano migliorate, forse a causa di una mia alimentazione poco corretta in precedenza.

Il punto è che adesso sono passati 3 anni dal mio coming out vegetariano e mia madre è la prima sostenitrice di questa mia scelta, tant’è che mi chiede spesso ricette nuove.

Certo siamo ben lontani dal convertirla, ma d’altronde la mia è una missione per star bene con me stesso non far star bene gli altri.

3 Risposte a “Mamma, ti devo dire una cosa: SONO VEGETARIANO”

  1. Sei fantastico !!! Mus

    1. è la risposta che mi sarei aspettato da mamma e invece niente. Fortuna che ci sei tu <3 Grazie 🙂

  2. […] come quando da piccolo dici alla mamma che non ti piacciono  e odi le verdure e poi dopo 20 anni diventi vegetariano (ogni riferimenti a fatti o persone reali sono puramente NON […]

Lascia un commento