Bratislava - Castello di Devin
Travel

Bratislava: cosa vedere in un weekend

Bratislava non è sicuramente una delle mete che spesso avrete sentite menzionare come viaggio tra le capitali europee.

Io l’ho notato particolarmente quando ho cercato su Google “Weekend a Bratislava” e non ho ricevuto risultati particolarmente soddisfacenti.

Ho visitato questa città dopo il weekend a Vienna e ho trascorso 2 giorni tra stupore e meraviglia attraversando la capitale slovacca.

Come raggiungere Bratislava da Vienna

Bratislava dista da Vienna solamente 80 km. Questo vi permetterà di raggiungere la capitale slovacca in poco meno di un’ora in macchina.

Le due città sono molto collegate via treno e anche con pullman ma c’è un’insolita modalità di arrivo ovvero il battello. 

Infatti è possibile arrivare da Bratislava a Vienna con un battello lungo il Danubio e ammirare il paesaggio.

Costa un po’ di più rispetto agli altri mezzi ovviamente ma l’esperienza non deve essere poi così male.

Dove dormire a Bratislava

Gli alloggi a Bratislava non sono carissimi. Abbiamo pagato 30 euro a persona in una camera tripla a notte in pieno centro e in un hotel a 4 stelle, l’Austria Trend Hotel.

Anche in questo caso potete ottenere uno sconto di 15 euro su Booking pernottando questa struttura.

Se invece preferite una casa vacanza all’estero potete ottenere qui 15 euro di sconto su Airbnb.

Cosa mangiare a Bratislava

Anche a Bratislava ho vissuto il dramma da vegetariano, per via del fatto che qui si mangia tantissima carne. 

Il Gulash fa da padrone anche qui come nel mittel, ma anche le carni di anatra, agnello e maiale. 

Abbiamo trovato però dei ristoranti che avessero alternative vegetariane quindi non mi è andata così male. 

Tra le cose che ho anche provato un Burger vegetariano da Regal Burger dove dei ragazzi molto simpatici e alla mano mi hanno fatto provare un hamburger a base di verdura con una maionese all’avocado. SBAV!  E poi il packaging vale sicuramente la pena.

Dopo 5 giorni in giro abbiamo sentito il bisogno di tornare un po’ alle origini e abbiamo fatto una cena italiana: Osteria dell’opera.  Il ristorante è gestito da un ragazzo italiano, siciliano per essere precisi e non sarò esagerato nel dirvi che ho dovuto rivelare a mamma che quella parmigiana era al pari della sua.

Il ristorante si trova appunto dietro il Palazzo dell’Opera.

Bratislava - Opera

Cosa vedere a Bratislava

Bratislava non è riconosciuta in particolare per le tante cose da vedere ma mi sono sorpreso invece della storia che c’è dietro ogni singolo luogo della città.

Oltre al Duomo di San Martino che è il luogo in cui venivano incoronati principalmente i reali del regno Asburgico, abbiamo visitato due castelli: Bratislavský hrad (Castello di Bratislava) e il Devínsky hrad (Castello di Devin). La regione è piena di castelli pare che ce ne sia uno ogni 10 km. Questo perché oltre alla presenza dei vari reali che qui soggiornavano erano punti strategici per segnalare l’arrivo di soldati o di eserciti in tempo per mettere a riparo la famiglia reale e il popolo.

Bratislava - Castello

In città invece passeggiare è un vero piacere: ho trovato molti riferimenti all’epoca sovietica e addirittura una facciata di un muro mi ha fatto ricordare una scena di Goodbye Lenin in cui Berlino dopo la caduta del muro iniziava a riempirsi di manifesti e pubblicità.

Alcune zone sembrano malcurate come quella lungo la cinta muraria che divideva il popolo del clero da quello povero (in seguito la divisione era tra cristiani ed ebrei oltre il muro).

In realtà le ho trovato molto affascinanti.

Interessante anche il monumento in onore ai soldati sovietici, denominato Slavìn. Sembra un luogo sospeso nel tempo e l’imponente obelisco sembra richiamare un po’ quei monumenti tipici americani.

A Bratislava inoltre non è possibile visitare tutte le chiese e i conventi perché pare abbiano paura che la gente possa rubare i tesori della Chiesa, e non avendo fondi per potersi permettere una sicurezza adeguata preferiscono aprirle solo durante le celebrazioni. Una tra tutte però non può non essere vista: la Blue Church. È una piccola chiesta intitolata a St Elizabeth dallo stile Art Nouveau. La facciata è azzurra appunto, decorata con mosaici e maioliche.

Un Instagram Alert da non perdere!

Infine segnalo anche il ristorante rotante: Altitude nominato anche UFO. È un ristorante ma anche un luogo che si erge su due grossi piloni in cui è possibile ammirare la vista panoramica della città. Salire fin su ha un costo di 7 euro con un ascensore. Noi per mancanza di tempo non siamo riusciti a salire ma sarebbe stato bello ammirare dall’alto la città in un ristorante semi sospeso.

Bratislava - UFO Restaurant

Alcune curiosità su Bratislava

La nostra guida ci ha indicato che Bratislava ha un  tasso di disoccupazione quasi vicino allo zero. Tutti contribuiscono in qualche modo alla città e lo fa anche grazie ai numerosi chioschi di food in giro per la città.

Ho trovato inoltre una città molto giovane (grazie anche alla presenza dell’università) e pochissimi mendicanti soprattutto durante il giorno.

E voi avete già visitato questa città? Cosa vi ha colpito di più? 

Se volete potete vedere un riassunto sulle stories in evidenza del mio profilo Instagram.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: