Corno Napoli
Travel

Napoli: cosa vedere e cosa mangiare in un weekend

Quando D. è arrivato a Capodanno con questi biglietti del treno direzione Napoli per me e A. non volevo crederci. Manco da 8 anni da quella città.

Nel frattempo di città ne ho viste e mi sono innamorato infinite volte ma sentivo che c’era ancora qualcosa da provare nel capoluogo campano.

In questo articolo quindi vi racconterò cosa vedere e cosa fare a Napoli, ma soprattutto i posti del cuore che ho rivisto con piacere e che mi hanno suscitato alcune riflessioni.

Cosa vedere a Napoli

Piazza del Gesù

è sicuramente la piazza che più mi piace di Napoli. Non so perché. La Chiesa non l’ho nemmeno visitata ma ha una facciata unica con le cosiddette bugne, degli elementi di forma piramidale.

Chiesa Gesù Nuovo - Napoli

è comunemente indicata come simbolo di Napoli, ma per me forse il motivo sta nel fatto che una volta entrati in Via Benedetto Croce si vive a pieno la veracità della città.

Chiostro di Santa Chiara

Proprio appena entrati si scopre il complesso del Monastero di Santa Chiara e in particolare il suo Chiostro maiolico. Una passeggiata lungo questi giardini ti farà stare in pace con te stesso.

Meraviglioso.

Chiostro maiolico di Santa Chiara - Napoli

Napoli Sotterranea

Arrivati su Via dei Tribunali invece non si può fare a meno che vedere la fila ai ristoranti di street food e alla Napoli Sotterranea. Ci sono due ingressi distinti con due percorsi. Uno su Via Tribunali l’altra invece su Piazza San Gaetano. Il secondo è quello meno caustrofobico, il primo invece si passa attraverso cunicoli larghi 50 cm con una piccola torcia. Meraviglioso scoprire i sistemi degli acquedotti antichi e come tale struttura fu poi convertita in rifugio anti atomico durante la guerra.

Napoli Sotterranea - lumini

Piazza Plebiscito

C’è una tradizione a Napoli o meglio tra i napoletani fatta nei confronti dei turisti. Un giochino da fare in Piazza Plebiscito nota piazza per le edizioni del Festivalbar negli anni 90 (citazioni altissime come sempre).
La tradizione vuole che partendo dal fondo della piazza bendati non si arriverà mai a superare la linea immaginaria tra le due statue equestri di Carlo III di Borbone e Ferdinando I.
Feci questo giochino 9 anni fa quando visitai la città in compagnia di L. e R. e ovviamente fallì miseramente.
Il motivo è dato dalla pendenza non percepita dalla piazza ma vale sempre la pena provarci, no?
Con I., guida d’eccezione durante questo soggiorno, ho scoperto che Napoli soprattutto in centro ha una struttura molto simile a Milano (Piazza, Palazzo Reale accanto, Teatro San Carlo come il Teatro della Scala a pochi passi dalla Galleria, salotto principale della città).
Similitudini che per certi versi mi hanno fatto riscoprire una città che da tempo non visitavo e che piano piano si apprezza. Tra alti e bassi (tante salite e discese soprattutto) è bello visitare la città con gli occhi di un locale.

Lungomare e Castel dell’Ovo

Scendendo verso il lungomare la passeggiata prosegue sulla vista del Golfo di Napoli. Dall’altra parte Sorrento, sulla sinistra il Vesuvio e poco più in là il Castel dell’Ovo, il castello più antico di Napoli che è possibile visitare e da cui è possibile soprattutto vedere un panorama unico della città.

Castel dell'ovo - Napoli

Via dei Tribunali

è la via nevralgica della città, dove tutto succede. qui puoi mangiare, visitare chiese e musei e conoscere la vera gente.

I colori di Napoli sono tutti qui nella gente che la vive e la rende unica… a suo modo.


Avremo incontrato questo personaggio in foto 3 volte al giorno ogni giorno e aveva sempre qualcosa di nuovo da proporci per “estorcere una mancia”
Sempre convincente, sempre unico a suo modo.
Così come Carmela e Salvatore (sempre che siano questi i loro nomi) coppia di fratelli che ci hanno proposto nell’ordine: cornetti porta fortuna, numeri del lotto (non vincenti), sale contro il malocchio.
Ed è bello così, è Napoli.
Ci si abitua al cambio culturale subito e poi si è in vacanza anche un po’ di sana strafottenza.

Dove mangiare a Napoli

Questo è un argomento serio perché non ho trovato un posto dove non si mangi bene a Napoli.

Dai dolci, agli antipasti, dal pesce allo street food.

Cosa mi è piaciuto di più:

La pizza montanarina da Starita, Il cuoppo da Passione di Sofì, I friarielli da Carmine, Il pesce da A figlia do marenaro, La pizza a portafoglio in Via dei Tribunali, la sfogliatella da Mary appena entrati in galleria e i Ministeriali da Scaturchio.

Qui un collage da vedere solo a pancia piena.

Cibo Napoli

Insomma a Napoli c’è un mondo che avrei voluto continuare a scoprire, tanti i consigli ricevuti sulle cose da vedere, troppo poco il tempo per fare tutto.

Vedi Napoli e poi muori si dice. Ecco io devo ancora vederla tutta quindi c’è tempo 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *